65 paesi con la dichiarazione del TPNW

Crescono le speranze per l'umanità: a Vienna 65 Paesi dicono no alle armi atomiche nella dichiarazione del TPNW

A Vienna, un totale di 65 paesi con numerosi altri come osservatori e un gran numero di organizzazioni civili, giovedì 24 giugno, e per tre giorni, si sono schierati contro la minaccia dell'uso delle armi atomiche e hanno promesso di lavorare per la loro eliminazione il prima possibile il prima possibile.

È il riassunto della prima conferenza del Trattato per la proibizione delle armi nucleari (TPNW), che, con il rifiuto della Nato e delle nove potenze atomiche, si è conclusa giovedì scorso nella capitale austriaca.

Prima della conferenza TPNW, si sono tenute altre conferenze, come la Forum ICAN sul divieto nucleare – Hub di Vienna, la Conferenza sull'impatto umanitario delle armi nucleari e della Aktionsbündnis Für Frieden Aktive Neutralität und Gewaltfreiheit. È stata una settimana di celebrazione del disarmo, della collaborazione e della ricerca della comprensione invece del confronto.

In tutti i casi, la cosa comune era la condanna delle minacce nucleari, l'escalation delle tensioni belliche e l'aumento delle dinamiche di confronto. La sicurezza o appartiene a tutti e per tutti o non funzionerà se alcuni vogliono imporre la propria visione agli altri,

In chiaro riferimento alla posizione della Russia per la sua invasione dell'Ucraina ea quella degli Stati Uniti, che attraverso la NATO continua a stringere la corda in una dinamica per la quale intende rimanere il comandante in capo mondiale in un mondo che è cambiato. Siamo già entrati in un mondo regionalizzato in cui nessuno può da solo imporre la propria volontà agli altri.

Respiriamo un nuovo clima nelle relazioni

Il clima, il trattamento e la considerazione con cui sono stati svolti i dibattiti, gli scambi e il processo decisionale nelle sessioni del TPNW sono davvero notevoli. Tanta considerazione e tanto rispetto per i punti di vista degli altri, anche contrari ai propri, con soste tecniche per cercare accordi e simili. In generale, il presidente del convegno, l'austriaco Alexander Kmentt, ha fatto un buon lavoro navigando e risolvendo le tante divergenze e le diverse percezioni, infine, con grande tatto, portandole a compimento. È stato un esercizio di abilità nel trovare accordi e una posizione comune. Da parte dei Paesi c'è stata fermezza e insieme flessibilità di fronte a situazioni da superare.

osservatori

La presenza di osservatori e numerose organizzazioni della società civile ha conferito un'atmosfera diversa agli incontri e ai dibattiti.

Da sottolineare la presenza di osservatori provenienti da Germania, Belgio, Norvegia, Paesi Bassi, Australia, Finlandia, Svizzera, Svezia o Sud Africa, tra molti altri, che indica l'attenzione che questa nuova area sta generando nel mondo, in questi complicati tempi in cui il confronto che abbiamo servito ogni giorno.

Va anche notato che la presenza delle organizzazioni della società civile ha generato un ambiente di relax, familiarità e connessione in cui l'istituzionale non era in contrasto con la vita quotidiana e il buon senso. Questa potrebbe essere una delle caratteristiche del vertice di Vienna, “il vertice del buon senso”.

Abbiamo un piano d'azione

Una delle caratteristiche della dichiarazione finale è che è stata adottata insieme ad un Piano d'Azione con un obiettivo finale: l'eliminazione totale di tutte le armi nucleari.

Finché queste armi esistono, data la crescente instabilità, i conflitti "aggravano notevolmente i rischi che queste armi vengano utilizzate, deliberatamente o per caso o per errore di calcolo", avverte il testo della risoluzione congiunta.

Bandire completamente le armi nucleari

Il presidente Kmentt ha sottolineato l'obiettivo di "raggiungere il totale divieto di qualsiasi arsenale di distruzione di massa", affermando che "è l'unico modo per essere sicuri che non verrà mai utilizzato".

Per questo sono già state programmate due staffette presidenziali della conferenza TPNW, la prima realizzata dal Messico e la successiva dal Kazakistan. Il prossimo incontro del TPNW sarà presieduto dal Messico presso la sede delle Nazioni Unite a fine novembre 2023.

Il TPNW è un ulteriore passo verso il Trattato di non proliferazione delle armi nucleari (NPT), al quale aderiscono molti paesi. Era necessario uscire dal blocco e dall'inefficacia del TNP dopo decenni in cui non è servito ad eliminare, ma piuttosto ad allargare i paesi e sviluppare ulteriormente la sofisticazione delle armi nucleari. Lo stesso presidente Kmentt, dal canto suo, ha sottolineato che il nuovo trattato, entrato in vigore solo un anno e mezzo fa, è un “complemento del Tnp”, poiché non è stato concepito come un'alternativa ad esso.

Nella dichiarazione finale, i paesi del TPNW riconoscono il TNP "come la pietra angolare del regime di disarmo e non proliferazione", mentre "deplorano" le minacce o le azioni che potrebbero minarlo.

Più di 2000 partecipanti

Il numero di promotori e partecipanti alla conferenza TPNW è: 65 Stati membri, 28 Stati osservatori, 10 organizzazioni internazionali delle Nazioni Unite, 2 Programmi internazionali e 83 organizzazioni non governative. Un totale di più di mille persone, tra cui Mondo senza guerre e violenza, hanno partecipato come membri dell'ECOSOC con rappresentanti di Germania, Italia, Spagna e Cile.

In totale, tra tutti i partecipanti a quei 6 giorni, sono state oltre 2mila le persone nei 4 eventi che si sono svolti.

Crediamo che sia stato fatto un passo importantissimo nella direzione di un nuovo mondo, che avrà sicuramente altre sfumature e protagonisti. Riteniamo che questi accordi aiuteranno in particolare il suo progresso e la sua realizzazione.

Rafael de la Rubia

3a Marcia Mondiale e Mondo senza guerre e violenza


Articolo originale in: Agenzia di stampa internazionale Pressenza

Lascia un commento