Il team di base dell'Università di Guayaquil

Una vera festa è stata vissuta all'università di Guayaquil, in Ecuador, con l'arrivo della squadra di base

Una vera festa è stata vissuta all'Università di Guayaquil, il 12 dicembre 2019, con l'arrivo dei membri della squadra di base del 2ª World March per la pace e la non violenza.

Rafael de la Rubia, Pedro Arrojo, Juan Gómez e Sandro Ciani, non immaginavano di assistere a così tanti eventi preparati dalle diverse facoltà dell'emblematico Università di Guayaquil, istituto di istruzione superiore con il maggior numero di studenti in tutto il paese.

Le facoltà di Economia, Matematica, Scienze Naturali, Comunicazione Sociale, Scienze Agrarie, Educazione Fisica, Giurisprudenza, Psicologia e Architettura hanno organizzato diversi eventi, tutti inquadrati in Pace e Nonviolenza, come dimostrano alcuni titoli degli annunci pubblicati nel Alma mater:

L'arte ci unisce e ferma tutte le manifestazioni di violenza. Insieme promuoviamo la cultura della pace e l'eradicazione della violenza, tra gli altri.

Attività in tutta la cittadella universitaria

Le attività sono iniziate con una marcia attraverso l'intera cittadella universitaria.

La Facoltà di Filosofia era il punto di partenza, a cui si unirono l'Economia e l'Educazione Fisica.

Prima di fare il giro, gli studenti hanno colto l'occasione per scattare foto e scambiare idee con i manifestanti.

Sono passati all'Educazione Fisica dove hanno partecipato il delegato del rettore, alcuni presidi e presidi delle facoltà partecipanti, insegnanti e studenti.

L'avvocato Melvin Zavala Plaza, capo della Facoltà di Educazione fisica, sport e ricreazione (FEDER), è stato incaricato di accogliere Rafael, Pedro, Juan e Sandro, con loro Sonia Venegas, coordinatrice degli eventi all'Università, Patricia Tapia ed Efraín León dell'Associazione mondiale senza guerre e violenza che hanno apprezzato la danza popolare, i simboli umani e le esibizioni preparate allo scopo.

Passo attraverso le diverse facoltà

Successivamente sono andati alla Facoltà di Psicologia dove hanno potuto osservare una mostra fotografica e in Architettura hanno parlato con le loro autorità.

Avevano la stessa deferenza nelle scienze agrarie.

Il punto d'incontro successivo è stato Matematica, qui li attendeva una mostra fotografica chiamata “Strutture che rappresentano la pace nel mondo”.

Numerosi edifici emblematici sono stati esposti in questa mostra che ha suscitato l'interesse del pubblico. Quindi, sono andati alla Facoltà di Scienze Agrarie dove è stato sviluppato un festival artistico.

Ricevimento da parte di registi e manifestazioni musicali

Qui sono stati ricevuti dai loro manager e hanno partecipato a varie dimostrazioni musicali.

Infine, alle 18:00 in una delle aule della Facoltà di Giurisprudenza, decine di studenti e docenti si sono riuniti per partecipare alla proiezione del film "L'inizio della fine delle armi nucleari" organizzato dall'università in occasione del la visita del Base Team.

Attraverso questo documentario, il pubblico è stato in grado di conoscere gli sforzi per incorporare un trattato di proibizione delle armi nucleari e il ruolo della campagna internazionale affinché i paesi si uniscano per sradicarli. Le quattordici interviste che ha presentato hanno lasciato il pubblico ispirato.


Apprezziamo il supporto con la diffusione del web e dei social network di 2 World March

Web: https://www.theworldmarch.org
Facebook: https://www.facebook.com/WorldMarch
Twitter: https://twitter.com/worldmarch
Instagram: https://www.instagram.com/world.march/
Youtube: https://www.youtube.com/user/TheWorldMarch

Lascia un commento