Omaggio a Gastón Cornejo Bascopé

In segno di gratitudine a Gastón Cornejo Bascopé, un essere luminoso, che è essenziale per noi.

Il dottor Gastón Rolando Cornejo Bascopé si è spento la mattina del 6 ottobre.

È nato a Cochabamba nel 1933. Ha trascorso la sua infanzia a Sacaba. Si è diplomato al liceo del Colegio La Salle.

Ha studiato Medicina presso l'Università del Cile a Santiago laureandosi in Chirurgo.

Durante il suo soggiorno a Santiago, ha avuto l'opportunità di incontrare Pablo Neruda e Salvador Allende.

Le sue prime esperienze come medico furono a Yacuiba presso Caja Petrolera, successivamente si specializzò all'Università di Ginevra, Svizzera, con la borsa di studio Patiño.

Gastón Cornejo era un medico, poeta, storico, militante di sinistra e senatore del MAS (Movimento per il socialismo) dal quale successivamente prese le distanze, silenziosamente critico della direzione che aveva preso il cosiddetto “Processo di Cambiamento in Bolivia”.

Non nascondo mai la sua adesione al marxismo, ma se in pratica è necessario definirlo, dovrebbe essere fatto come un amante dell'Umanesimo e un ambientalista attivo.

Una persona accattivante, di estrema sensibilità umana, con uno sguardo malizioso e vicino, un intellettuale attivo, ben informato sulla sua nativa Bolivia, storico professionale, collaboratore della stampa scritta di Cochabamba e scrittore instancabile.

È stato un membro attivo del primo governo di Evo Morales, tra i suoi atti eccezionali vi sono aver collaborato alla stesura del testo costituzionale dell'attuale Stato plurinazionale della Bolivia, o i negoziati falliti con il governo del Cile per ottenere un'uscita concordata nell'Oceano Pacifico .

Definire il dottor Gastón Cornejo Bascopé è complesso, per la diversità dei fronti su cui ha agito, caratteristica che condivide con quegli esseri luminosi che per noi sono essenziali.

Bertolt Brecht ha detto: "Ci sono uomini che combattono un giorno e sono bravi, ci sono altri che combattono per un anno e stanno meglio, ci sono uomini che combattono da molti anni e sono bravissimi, ma ci sono quelli che combattono una vita, quelli sono l'essenziale"

Ancora in vita, ha ricevuto numerosi premi per la sua lunga carriera medica come gastreontorologo, ma anche come scrittore e storico, tra cui quello del Fondo Sanitario Nazionale, nell'agosto 2019, e la distinzione Esteban Arce conferita dal Consiglio Comunale, il 14 Settembre dello scorso anno.

Certo, potremmo rimanere nel curriculum travolgente nella sua profondità e ampiezza, ma per quelli di noi che come lui vogliono un mondo in Pace e niente violenza, Il nostro interesse è nel loro lavoro quotidiano, nella loro vita quotidiana umana.

E qui la sua grandezza si moltiplica come se si riflettesse in mille specchi.

Aveva amici ovunque e di ogni estrazione sociale; era, per bocca dei suoi parenti, vicino, umano, gentile, malizioso, solidale, aperto, flessibile ... Una persona straordinaria!

Vorremmo definirlo e ricordarlo come si è definito nell'articolo ",Silo", Pubblicato sul sito Pressenza nel 2010, in ricordo di Silo dopo la sua scomparsa:

"Una volta sono stato interrogato sulla mia identificazione come socialista umanista. Ecco la spiegazione; Cervello e cuore Appartengo al movimento al socialismo ma sempre arricchito dall'umanesimo, cittadino di sinistra aborrisce il sistema di mercato globalizzato creatore di violenza e ingiustizia, predatore della spiritualità, violatore della Natura ai tempi della postmodernità; ora credo fermamente nei valori proclamati da Mario Rodríguez Cobos.

Possano tutti apprendere il suo messaggio e metterlo in pratica per essere pieni di pace, forza e gioia! Questo è il Jallalla, lo splendido saluto, l'anima, l'ajayu che gli umanisti incontrano."

Dr. Cornejo, grazie, mille grazie per il tuo grande cuore, la tua chiarezza di idee, per aver illuminato con le tue azioni non solo le persone a te più vicine, ma anche le nuove generazioni.

Grazie, mille grazie per il tuo atteggiamento di chiarimento permanente, per la tua onestà e per aver orientato la tua vita al servizio dell'essere umano. Grazie per la tua umanità.

Da qui esprimiamo il nostro augurio che tutto vada bene nel tuo nuovo viaggio, che sia luminoso e infinito.

Per la tua famiglia più stretta, Mariel Claudio Cornejo, Maria Lou, Gaston Cornejo Ferrufino, un abbraccio grande e affettuoso.

Chi di noi ha partecipato alla Marcia Mondiale, in omaggio a questo grande personaggio, vuole ricordare le parole con le quali ha pubblicamente espresso la sua adesione alla Prima Marcia Mondiale per la Pace e la Nonviolenza pubblicata sul sito del 1ª World March:

Messaggio personale in adesione alla Marcia Mondiale per la Pace e la Nonviolenza di Gastón Cornejo Bascopé, senatore della Bolivia:

Riflettiamo continuamente sulla possibilità di ottenere una maggiore fratellanza tra gli esseri umani. Se le religioni, le ideologie, gli Stati, le istituzioni sono in grado di offrire un'etica vincolante comune, superiore e universale per realizzare un Mondo Umano Universale sul pianeta.

Crisi: all'inizio dell'attuale XXI secolo, è chiara la richiesta universale dei governi di maggiore solidarietà e sicurezza di fronte alla crescita demografica incontrollata, alla fame, alle malattie sociali, alla migrazione e allo sfruttamento umano, alla distruzione della natura, ai disastri naturali. la catastrofe del riscaldamento globale, la violenza e la minaccia militare offensiva, le basi militari dell'impero, la ripresa del colpo di stato che stiamo vivendo oggi in Honduras, evocando il Cile, la Bolivia ei paesi violenti dove il male ha lanciato i suoi artigli imperiali. Un intero mondo in crisi e civiltà rinviata.

Nonostante lo sviluppo della conoscenza, della scienza, della tecnologia, della comunicazione, dell'economia, dell'ecologia, della politica e persino dell'etica, sono in crisi permanente. Crisi religiosa di credibilità, dogmatismo, adesione a strutture obsolete, resistenza al cambiamento strutturale; crisi economica finanziaria, crisi ecologica, crisi democratica, crisi morale.

Crisi storica: Solidarietà tra lavoratori frustrati, sogni di libertà, uguaglianza, fraternità, sogno di un giusto ordine sociale piuttosto trasformato in: lotta di classe, dittature, scontri, torture, violenze, sparizioni, crimini. Giustificazione dell'autoritarismo, aberrazioni pseudo-scientifiche del darwinismo sociale e razziale, guerre coloniali degli ultimi secoli, frustrazione dell'Illuminismo, prima e seconda guerra mondiale, guerre attuali ... tutto sembra portare al pessimismo sull'opzione di un'etica mondiale.

La modernità ha scatenato poteri malvagi. Prevalenza della cultura della morte. Angoscia-solitudine. L'idea-nazione dei francesi illuminati che originariamente unificava persone, proprietà, affiliazioni politiche si dissolve. Si intendeva lo stesso linguaggio, la stessa storia. Tutto è degenerato in ideologie divisive e alienanti, nazionalismi, sciovinismi allarmanti.

Proclamiamo: Di fronte alla crisi scientifica, alla criminalità organizzata, alla distruzione ecologica, al riscaldamento atmosferico; Proclamiamo che la salute del gruppo umano e del suo ambiente dipende da noi, rispettiamo la collettività degli esseri viventi, uomini, animali e piante e preoccupiamoci della conservazione dell'acqua, dell'aria e del suolo ”, una creazione miracolosa della natura.

Sì, un altro mondo etico pieno di fraternità, convivenza e pace è possibile! È possibile trovare norme etiche di base per creare atti morali di carattere trascendente universale. Un Nuovo Ordine Globale di convivenza tra esseri di aspetto diverso, morfologia simile e possibilità di grandezza spirituale per trovare le possibili coincidenze attorno alle difficoltà del mondo materiale.

Un movimento mondiale deve creare ponti di comprensione, pace, riconciliazione, amicizia e amore. Dobbiamo pregare e sognare in una comunità planetaria.

Etica politica: i governi devono essere consigliati da scienziati della natura e dello spirito, in modo che il dibattito sulle idee etiche sia alla base della politica nelle loro nazioni, territori, regioni ”. Consigliato anche da antropologi e bioeticisti affinché l'inclusione, la tolleranza e il rispetto per la diversità e la dignità della persona degli esseri umani di tutte le culture siano fattibili.

Soluzioni immediate: è necessario pacificare e umanizzare qualsiasi relazione tra esseri umani di tutti gli strati sociali. Raggiungere la giustizia sociale continentale e globale. Affronta tutte le questioni etiche in un dibattito pacifico, lotta di idee non violenta, fuorilegge la corsa agli armamenti.

Proposta postmoderna: la comprensione tra esseri di diverse nazioni, ideologie e religioni senza alcuna discriminazione è essenziale. Proibisci ogni adesione dei cittadini a sistemi politico-sociali che alienano la dignità umana. Raggrupparsi in una tempestiva denuncia collettiva contro la violenza. Forma la rete globale di informazione etica e soprattutto: semina la virtù della bontà!

Marcia Mondiale: poiché nessuno sfugge all'affiliazione ideologica, siamo liberi di scegliere l'egoismo o la bontà, a seconda di come rispondiamo ai diversi sistemi etici; da qui l'importanza fondamentale della Grande Marcia Mondiale organizzata dall'Umanesimo internazionale, per questa volta all'inizio del nuovo secolo, proprio quando si intensificano i confronti nella Nostra Bolivia e nei Paesi fratelli.

Abbiamo iniziato la marcia mondiale, passo dopo passo, anima e corpo, lanciando messaggi di pace in tutti i continenti e paesi fino a raggiungere Punta de Vacas a Mendoza, in Argentina, ai piedi dell'Aconcagua, dove insieme suggelleremo l'impegno generazionale di fratellanza e amore. Sempre accompagnato da SILO, il profeta umanista.

Jallalla! (Aymara) -Kausáchun! (Qhëshwa) -Viva! (Spagnolo)

Khúyay! -Kusíkuy! Gioia! -Rallegrati! -Munakuy! Amore! Amatevi l'un l'altro!

Gastón Cornejo Bascopé

SENATORE DEL MOVIMENTO AL SOCIALISMO UMANISTA
COCHABAMBA BOLIVIA OTTOBRE 2009


Ringraziamo Julio Lumbreras, una persona vicina che conosce il Dr. Gastón Cornejo, per la sua collaborazione nella preparazione di questo articolo.

0 / 5 (Recensioni 0)

1 commento su «Omaggio a Gastón Cornejo Bascopé»

Lascia un commento