Team di base intervistato a Tucumán

Questo 23 dicembre il Team Base del March era a Tucumán, in Argentina, dove è stato intervistato dal GACETA.

I rivenditori sono stati intervistati dal GACETA de Tucumán, un prestigioso media locale.

Nell'intervista, rivolta principalmente a Rafael de la Rubia come rappresentante mondiale della Marcia, dove è arrivato accompagnato da umanisti di Buenos Aires, Salta, Tucumán ...

Oltre a spiegare i dettagli del 2ª World March Per la Pace e la Nonviolenza, Rafael de la Rubia ha sottolineato che sebbene la violenza sia sempre più evidente, a tutti i livelli, non solo fisici, ci sono anche prove crescenti che il superamento è possibile

La non violenza è l'unico modo

"Perché la violenza non è solo fisica, ma anche economica: quando i governi non assicurano cibo per la popolazione e quando non esiste un'equa distribuzione delle risorse.

Secondo la Commissione economica per l'America Latina e i Caraibi (ECLAC), il divario economico sta crescendo, non solo tra i paesi, ma anche al loro interno, i ricchi sono più ricchi e i poveri sono più poveri.

In Europa la classe media sta diminuendo".

La nonviolenza è l'unica via e l'unica forza in grado di metterla fine.

Si possono osservare segni positivi: "70 anni fa era impensabile che le Nazioni Unite affrontassero la questione del disarmo nucleare, eppure circa tre anni fa lo stanno già facendo su iniziativa del Costa Rica".

È anche necessario che ci siano anche un Consiglio di sicurezza sociale e un altro Ambiente allo stesso livello "per frenare le multinazionali che stanno distruggendo il pianeta".


Ringraziamo il Tucuman GAZETTE L'intervista pubblicata.

Lascia un commento